Deckard Cain

Da Diablo Wiki - HellForge - Il Primo Wiki italiano su Diablo.

Deckard Cain
Ultimo Horadrim
Genere: Maschio
Razza: Umano
Stato: Sconosciuto
Alleati:
Nemici: Tre Maligni
Origini:
Età:
Deckard Cain in un artwork per Diablo 3

 (IT) Fermati un attimo e ascolta. 
 (EN) Stay a while and listen. 

Deckard Cain, conosciuto anche come Cain il Saggio, è l’utimo discendente ancora in vita degli antichi maghi Horadrim. Da bambino sua la madre soleva raccontargli le storie dei coraggiosi maghi che combatterono i tre Primi Maligni, ed in particolare gli raccontava del suo antenato, Jered Cain. Furono queste storie ad incuriosirlo e ad ispirarlo a studiare gli antichi testi Horadrim. Egli non è un mago guerriero, è più un archivista e un custode del sapere, che fa il possibile per lottare contro il male condividendo la conoscenza che ha accumulato nel corso della sua vita di ricercatore, studiando i demoni che minacciano le terre di Sanctuary.

Deckard Cain è ben conosciuto dalle forze del Cielo, e ha interagito con l'arcangelo Tyrael in numerose occasioni.

Compare in tutti i giochi della serie, ed offre al giocatore preziosi consigli per compiere le missioni, ad esempio è lui ad introdurre la missione dell'Arcivescovo Lazarus in Diablo I, così come altre missioni in Diablo II. Cain, in entrambi i giochi, è in grado di identificare gli oggetti (gratuitamente se salvato dal giocatore in Diablo II).

Indice

Diablo II

In Diablo 2, Cain è l'unico sopravvissuto alla distruzione di Tristram, risparmiato da Viandante Oscuro in persona (anche se afferma che Adria previse l'arrivo dei demoni e fuggì prima dell'invasione). Cain, invece di venir ucciso dai demoni, venne rinchiuso in una gabbia lasciato a morire vicino al pozzo nel centro della città. Nella quest di Diablo II "Alla ricerca di Cain", il vecchio Horadrim viene salvato dal giocatore, e lo segue poi attraverso ciascuno degli Atti del gioco. A sorvegliare la prigione di Cain troviamo un altro personaggio che abbiamo conosciuto nel primo capitolo di Diablo: il fabbro Griswold, ora orrendamente trasformato in un non-morto. Una volta che abbiamo salvato Cain, ci identificherà gli oggetti gratuitamente. Se invece il giocatore salta la quest del suo salvataggio, verrà comunque liberato dalla sua prigionia da parte della Sorellanza, ma il giocatore dovrà pagare 100 monete d'oro per ogni oggetto che vorrà identificare. Cain continuerà comunque a seguirci attraverso ogni atto.

Diablo III

Deckard Cain nel cinematic trailer di Diablo 3

Deckard Cain farà ritorno anche in Diablo III. 20 anni dopo, Cain è molto più vecchio, avvicinandosi alla fine della sua vita. Una delle cose che lo ha tormentato di più in tutti questi anni è che non è mai stato più di un semplice studioso dei fatti tramandati di generazione in generazione dall'Ordine Horadrim. Non ha mai creduto davvero all'antico male fino agli eventi del primo capitolo di Diablo dove ha realizzato che era tutto vero, ed era una grave minaccia. In tutto Diablo e Diablo 2 ha ri-familiarizzato con tutto ciò con cui era cresciuto.

Deckard Cain in Diablo 3

Ha trascorso gli ultimi 20 anni nel tentativo di espiare, pensando che se fosse stato più attivo in precedenza, forse avrebbe potuto fermare l'avanzata demoniaca, forse avrebbe potuto impedire che tutto questo fosse accaduto. Quindi ora sta cercando di capire come si possa porre fine a tutto questo in modo definitivo. La sua ricerca è diventata ancora più urgente, perché sa di star raggiungendo la fine della sua vita. Così è diventato più fanatico, e il suo carattere è più oscuro.

Cain appare come un NPC, ma non si sa ancora se ci seguirà in ogni città che visitiamo, come in Diablo 2. Non appare nella demo del BlizzCon 2008 edel BlizzCon 2009, ma è stato mostrato nel video di gameplay del WWI 2008. In questo video il Barbaro salva Cain da un'orda di mostri nei sotterranei sotto la Cattedrale di Tristram, per farlo tornare sano e salvo in città dove Leah è preoccupata per lui.

Si parla di Deckard Cain sulla pagina principale della pagina ufficiale:

Quando Deckard Cain ritorna alle rovine della Cattedrale di Tristram cercando indizi per sconfiggere le emanazioni del male, un infuocato presagio di sventura cade dal cielo, colpendo il terreno stesso da dove Diablo, una volta, entrò nel mondo.

Personalità di Cain in Diablo 3

Jay Wilson ha parlato della personalità di Cain in un'intervista durante il BlizzCon 2008. Secondo Jay, Cain questa volta è molto più oscuro e cupo. Ci troviamo venti anni dopo gli eventi di Diablo II, e Cain ha passato il suo tempo cercando informazioni sulle più antiche conoscenze, cercando di mettere in guardia i suoi concittadini che il pericolo non era ancora passato. Nessuno lo ha ascoltato, la gente non voleva credere o pensare a queste cose, e Cain diventò sempre più disperato. E' ormai una tragica figura solitaria.

Il Diario di Deckard Cain

Durante gli eventi di Diablo e Diablo II, Cain scrisse un diario, che è stato ritrovato solamente oggi, molti anni dopo che Diablo venne (ancora una volta) sconfitto. Il diario si chiama, giustamente, Diario di Deckard Cain. Racconta le vicende di Diablo e Diablo II, in forma abbreviata e fa intuire numerose volte che Cain era l'anziano e il custode dei tremendi fatti accaduti a Tristram, senza però molta conoscenza del mondo esterno - in netto contrasto con il dotto e ben informato "ultimo degli Horadrim" di Diablo e Diablo II.

Curiosità

  • Deckard Cain nella versione italiana di Diablo II ha la voce di Giorgio Melazzi, che curiosamente interpreta anche Diablo.
  • Esiste una canzone rap cantata dal doppiatore inglese di Cain, Michael Ghough, inserita come Bonus Track nella Colonna Sonora del gioco. Il brano si riferisce al personaggio di Cain in prima persona.


Strumenti personali